Kintsugi: l’arte giapponese di aggiustare le cose

Non potevo esimermi dal darvi il benvenuto nel mio blog con un articolo su questa arte scoperta recentemente, il Kintsugi, che ben si presta a fare riflessioni, stimola metafore sulla vita quotidiana, che conosce inevitabilmente crepe, rotture e ferite.

Quando i giapponesi riparano un oggetto rotto, valorizzano la crepa riempiendo la spaccatura con dell’oro. Oro al posto della colla. Metallo pregiato invece di una sostanza adesiva trasparente senza valore.

kintsugi Bi

kintsugi3

L’integrità perduta non è occultata ma valorizzata. La valorizzazione alla base di un riciclo, di un ritorno alla vita sotto nuove sembianze. La spaccatura è anzi ciò che rende unico quel vaso (in effetti poteva spaccarsi in mille modi). Dopo essersi rotto l’oggetto ha una storia, diventa più bello.

A noi occidentali non appartiene questo modo di rivalutare: una ferita va nascosta, celata, un’imperfezione (soprattutto fisica) immediatamente corretta, una relazione che apparentemente non funziona, dopo un litigio, un conflitto, si può interrompere e un oggetto rotto viene ovviamente, immediatamente e irrimediabilmente, buttato.
Il pensiero digitale ci ha condotto ad una visione a soli due sensi: rotto/intatto, bello/brutto… Il pensiero analogico-arcaico, mitico e simbolico rifiuta le dicotomie e ci riporta alla compresenza degli opposti, che smettono di essere tali nel continuo osmotico fluire della vita. Non è più poetico questo modo di pensare? Più arricchente?!?

La Vita è Integrità ma anche Rottura, anche se questo comporta dolore, perché è un tentativo costante di sanare equilibri rotti, di ricomporre fratture, abbandoni, perdite. ecc. Sta a noi vedere e/o rendere belle e preziose le “persone” che hanno sofferto e che dopo questa esperienza sono cambiate, a volte diventando oggettivamente più belle. Sta a noi trasformare i disagi e le difficoltà in forza, energia e capacità creativa, lasciando piena libertà ai propri limiti e fragilità, rilassando così ansie e bisogni per guadagnare serenità. Le cicatrici sulla pelle o sull’anima non spariranno, ma come rughe faticosamente conquistate con l’avanzare degli anni, mostreranno agli altri e a noi stessi  tutte le nostre conquiste, le cadute e le risalite.

Si può iniziare un percorso di sviluppo personale proprio partendo dal ri-conoscere le nostre ammaccature, i nostri lividi, accettandoli ed esprimendoli: piuttosto che “fare lo struzzo” sperando che il tempo guarisca ogni ferita è decisamente meglio affrontare i problemi, trovando il modo migliore per esprimerli, ovviamente, ciò che offre la speranza di risoluzione, che dà il via ad un percorso di auto-guarigione. Io, come professionista, tento di mettere a disposizione i lingotti d’oro o, meglio, cerco di far ricordare alle persone che hanno un capitale al quale attingere, ma sta al singolo decidere “se” e “come” utilizzarli.

Fonti informazioni: Kintsugi From Wikipedia, the free encyclopedia

Fonti immagini: http://sangbleu.com/2013/08/24/kintsugi-spit-gold/,

http://blog.libero.it/libertaevolare/12364266.html?ssonc=184034322,

http://the-et-ceramique.blogspot.it/2012/07/kintsugi-et-gintsugi-un-autre-rapport.html

 

 

8 thoughts on “Kintsugi: l’arte giapponese di aggiustare le cose

  1. I truly appreciate this post. I have been looking everywhere for this! Thank goodness I found it on Bing. You have made my day! Thanks again

    • Innanzitutto grazie per avermi fatto visita e per aver apprezzato e condiviso una riflessione in cui credo molto, soprattutto in questo periodo di superficialità dilagante.. Un sorriso e a presto!

    • Thank you for visiting my blog.. Let’s have faith in a wonderful 2014.. with joy and peace in our days! Come back soon!

Rispondi a pozyczki Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Website Protected by Spam Master


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>